Skip to content
CHI

L'orologiaio

La sua attività è il tempo: HG Tannhaus è l'orologiaio di Winden. Nel 1953, ha il suo laboratorio in città. Nei 33 anni successivi, Tannhaus esplora instancabilmente il concetto di tempo, e alla fine scrive un libro intitolato "A Journey Through Time" in cui espone i principi teorici dei viaggi nel tempo.

Nel 1986, è diventato un vecchio bizzarro. Ha ancora il suo laboratorio e sta allevando sua nipote Charlotte, anche se non le dice mai niente dei suoi genitori.

Visitatori di un'altra epoca

L'orologiaio riceve un numero di curiosi visitatori da altre epoche. Nel 1953, l'anziana Claudia Tiedemann gli porta una serie di progetti e gli chiede di costruire una macchina: una macchina del tempo. A Tannhaus occorrono decenni per comprendere e completare il dispositivo.

Nel 1953, anche Ulrich Nielsen visita il laboratorio. Porta una copia del libro di Tannhaus, che non sarà scritto per molti altri anni. Lascia anche dietro di sé uno strano dispositivo futuristico: il suo smartphone.

Nel 1986, lo Straniero compie diverse visite a Tannhaus. Discutono dei viaggi nel tempo e l'orologiaio ripara la sua macchina del tempo. Lo straniero fornisce anche l'isotopo radioattivo di cesio-137 necessario per attivare la macchina del tempo.

Spoiler alert
Spoiler

Stagione 2 : Episodio 3

Impostore

In che modo HG Tannhaus ha le conoscenze teoriche per scrivere un libro sui viaggi nel tempo? Si è posto la stessa domanda per anni. Ha semplicemente copiato parola per parola da un libro che Claudia ha portato dal futuro. "Sono quello che chiameresti un impostore", dice a Claudia nell'estate del 1987. Pertanto, i contenuti di "A Journey Through Time" non hanno un'origine chiara: l'esistenza del libro è un paradosso di Bootstrap.