Skip to content
CHI

Clausen

Nell'estate del 2020, mancano ancora sei persone da Winden. La polizia ha ben poche tracce e viene inviata una task force speciale esterna per un ulteriore supporto. Clausen è l'uomo responsabile. È un personaggio non convenzionale che snocciola citazioni di Freud. Non ha una patente di guida, quindi Wöller e Charlotte Doppler lo prendono in giro mentre discute con varie persone in città. Si rende presto conto che gli abitanti di Winden hanno molto da nascondere.

Spoiler alert
Spoiler

Stagione 2 : Episodio 7

Il fratello scomparso

Clausen sembra concentrarsi su Aleksander Tiedemann durante le sue indagini. Vuole sapere, tra le altre cose, perché l'uomo ha preso il cognome di sua moglie Regina quando si sono sposati, abbandonando Köhler.

Quando visita di nuovo la centrale elettrica, Clausen porta con sé le informazioni dell'ufficio del registro di Marburg. L'investigatore stabilisce che Aleksander è più alto di diversi centimetri rispetto all'altezza indicata nei documenti degli anni '80. Clausen lo arresta perché sospettato di frode sull'identità.

Durante ulteriori interrogatori alla stazione di polizia, Clausen rivela il suo vero motivo: anche il suo cognome era Köhler e suo fratello Aleksander è scomparso dal 1986. Clausen ha ricevuto una lettera anonima alcuni mesi fa promettendo di trovare le risposte al caso di suo fratello scomparso a Winden.

Spoiler alert
Spoiler

Stagione 2 : Episodio 8

Indagine mortale

Clausen vuole dimostrare che Aleksander ha commesso un crimine e riceve rapidamente un mandato di perquisizione per il sito della centrale elettrica. Va dritto al bacino di raffreddamento dove sono stati racchiusi i fusti gialli e chiede di perforare il cemento.

Nonostante gli avvertimenti di Charlotte Doppler, Clausen apre uno dei fusti. Una materia oscura amorfa sale dal barile e in pochi minuti, l'apocalisse irrompe a Winden.