Skip to content
CHI

Aleksander Tiedemann

Aleksander Tiedemann è direttore della centrale nucleare. Tale posizione lo rende uno degli uomini più potenti di Winden. Un individuo serio e sicuro di sé, ma con qualche segreto da nascondere. Cerca in tutti i modi di prendersi cura di Regina, soprattutto dopo aver scoperto che la moglie ha un tumore. Insieme hanno un figlio, Bartosz.

Arrivo a Winden

Nel novembre del 1986 un giovane con una ferita d'arma da fuoco percorre in fretta la foresta vicino a Winden quando vede Katharina e Ulrich Nielsen mentre stanno minacciando Regina Tiedemann. L'uomo estrae una pistola e mette in fuga i due assalitori. Regina dimostra la propria gratitudine prendendosi cura della sua ferita. I due finisco ben presto per mettersi insieme.

Doppia identità

Il giovane spera di iniziare una nuova vita a Winden. Ha due passaporti: sul primo si legge "Aleksander Köhler", sull'altro "Boris Niewald". Seppellisce il secondo passaporto nella foresta insieme alla pistola ma viene visto da Hannah Kahnwald, che recupera la borsa contenente gli oggetti compromettenti.

La donna attende fino al 2019, anno in cui decide di ricattarlo. Hannah intima all'uomo, che ora si chiama Aleksander Tiedemann, di sfruttare la sua posizione a Winden per distruggere la vita di Ulrich Nielsen.

Aleksander e i fusti gialli

Una volta giunto a Winden, Aleksander si reca immediatamente alla centrale nucleare per chiedere un impiego. Si presenta alla direttrice Claudia Tiedemann come amica di sua figlia. Claudia lo assume per fargli svolgere un compito strettamente riservato: dovrà sigillare l'ingresso della grotta al di sotto della centrale dove sono custoditi i fusti gialli contenenti le scorie radioattive.

Trentatré anni dopo, Aleksander è il direttore della centrale ed è determinato a mantenere segreta l'esistenza dei fusti gialli, occultandoli anche alla vista di Ulrich Nielsen e Charlotte Doppler. Aleksander viene costantemente informato sulle indagini della polizia dal suo contatto Wöller. Quando la polizia minaccia di perlustrare il sito della centrale, il direttore ordina che i fusti gialli siano caricati su un camion e abbandonati presso una stazione di servizio.

Spoiler alert
Spoiler

Stagione 2 : Episodio 7

Nuova indagine

Quando si unisce al gruppo di investigazione incaricato dei casi delle persone scomparse a Winden, l'investigatore speciale Clausen sembra affezionarsi ad Aleksander Tiedemann. Vuole sapere, tra le altre cose, perché l'uomo abbia preso il cognome di sua moglie Regina una volta sposati. Quando visita di nuovo la centrale, Clausen porta con sé le informazioni dell'ufficio del registro di Marburg. L'investigatore osserva che Aleksander è più alto di diversi centimetri rispetto all'altezza indicata nei documenti degli anni '80. Clausen lo arresta in quanto sospettato di furto d'identità.

Durante l'interrogatorio alla stazione di polizia, Clausen rivela le sue vere ragioni: il suo cognome era Köhler e suo fratello Aleksander è scomparso dal 1986. Alcuni mesi prima Clausen aveva ricevuto una lettera anonima che gli richiedeva di trovare risposte ai fini della risoluzione del caso del fratello scomparso a Winden. Prende Aleksander in custodia.